dal 1999 testimone di un’evoluzione

Ennesima edizione Elle U only-film. In questo caso abbiamo riscontrato una buona qualità d’insieme per quanto riguarda le immagini, sempre ben luminose e calibrate nella resa cromatica. Non abbiamo notato alcun difetto tipico delle produzioni di film indipendenti o a basso budget come salti di luminosità o di colore.

Era uno dei film di fantascienza più attesi, su questo dvd c’era un’attesa incredibile ed ora, finalmente, grazie alla debuttante General Video, la speranza è diventata realtà! E con molte sorprese positive… Ci piacerebbe discutere sul film e sulla sua qualità artistica ma questo spazio non è la sua sede naturale e quindi diciamo solo

Ottima edizione ma con una mancanza che ne compromette il giudizio finale. La qualità video è ottima e nelle diverse scene dove abbiamo sgranature, bassa definizione e resa cromatica con evidenti dominanti la colpa non è di chi ha realizzato il dvd ma dovuto a delle precise scelte registiche. Anche l’audio convince con una buona

Nonostante le critiche entusiaste delle riviste specializzate cartacee a noi questo dvd di The Others non ci è parso così ottimo. Il master video non è dei migliori con l’impressione di avere il quadro d’immagine sempre un po’ impastato e poco definito. Nelle scene in esterno con la nebbia poi… Per un film di dieci

Debutto per la General Video (tra pochi giorni sarà disponibile nei negozi insieme a Solaris ed a Ieri, oggi, domani) con questo film di Giuseppe Bertolucci con un Roberto Benigni agli esordi cinematografici. L’inizio del film è deludente con una pellicola in pessimo stato ma alla fine dei titoli di testa la situazione migliora fino

Buona edizione del cult di Sam Raimi ma che perde nettamente il confronto con l’ultima Definitive Collection uscita negli States dalla Artisan. L’edizione europea è più che sufficiente per quanto riguarda il video, mentre per l’audio abbiamo una buona traccia rielaborata in Dolby ma per tutte le altre lingue abbiamo solo la codifica originale in

Edizione che ha creato una discussione in redazione: c’è chi giura di aver visto il trailer, gli spezzoni nei vari passaggi televisivi e il film al cinema in 2.35:1 mentre il dvd riporta il film con l’aspect-ratio di 1.85:1. Secondo noi o è stato fornito alla Cecchi Gori un master tagliato ai lati destro e

In questo caso il formato è quello giusto, la qualità video nell’insieme è più che sufficiente (ma con qualche calo di luminosità) ma quello che sconcerta è la codifica monofonica per un film del 1992… Verdone è riuscito a fare peggio di Moretti e ricordiamoci che nel 1992 la Dolby introdusse sul mercato il formato

Dopo Bianca ecco arrivare un altro importante film di Nanni Moretti. La qualità video in questo caso è sensibilmente migliore, almeno per la stabilità d’immagine. Confermate invece le buone qualità di resa cromatica e luminosità.

Finalmente arriva uno dei film più belli di Sergio Leone in formato widescreen corretto, dopo la prima edizione in un leggero Pan & Scan. La qualità video migliora leggermente rispetto alla precedente edizione anche se la definizione è, per tutta la durata del film, un po’ troppo “soft”. Buone invece la resa cromatica, la definizione