dal 1999 testimone di un’evoluzione

“Il film nasce da una frase di Talleyrand, messa nel film come un’epigrafe, nero su bianco, alla fine dei titoli di testa muti. È una frase non letta ma sentita, da molto tempo. Io sono borghese fino alle cellule più infinitesimali, sono socialmente un borghese, e questa frase mi intrigava molto: «chi non ha conosciuto la vita prima della rivoluzione non sa che cosa sia la dolcezza di vivere». Dunque, la prima cosa che mi colpiva ai tempi in cui

Prosegue spedita la collana realizzata da Shockproof e dedicata ad importanti film di genere del periodo Sessanta/Ottanta, per l’occasione con un titolo ancora assente in home-video italiano e che finalmente fa il suo debutto con questa grandiosa edizione DVD. Stiamo parlando del film di fantascienza con venature catastrofiche diretto dall’esperto regista televisivo Joseph Sargent, che da questo film in poi ci ha regalato pellicole di notevole importanza come “Il colpo della metropolitana” solo per citare il suo film più famoso.

Le stagioni del cuore, film del 1984 diretto da Robert Benton (Kramer contro Kramer) fece aggiudicare l’Oscar come migliore attrice a Sally Field ed allo stesso Benton, autore anche della sceneggiatura originale. Senza alcuna nomination ci piace comunque ricordare la bellissima, calda fotografia di Nestor Almendros. “Benton si ispira a ricordi personali, evoca il mondo di William Faulkner e di Thornton Wikler, non perde le fila dell’intreccio e sa bilanciare l’obbligatoria spettacolarità con notazioni toccanti che vanno al di là

Questo film è un oggetto decisamente strano… Diretto ed interpretato da Terence Hill è un sorta di viaggio fatto di ricordi del passato, un film-summa che raccoglie tutte le emozioni, le opere fatte, la vita dell’attore diventato celebre in coppia a Bud Spencer, a cui il film è dedicato. A tratti decisamente emozionante, è un film difficile da decifrare ma che vi consigliamo di vedere o acquistare, una pellicola che nonostante il budget risicato e qualche ingenuità riuscirà a scaldarvi

“Film dopo film, Nuri Bilge Ceylan ci offre il ritratto sempre meno ottimista di una Turchia che fatica a confrontarsi con la modernità e a scrollarsi di dosso il peso di un passato soffocante. Mai, però, lo aveva fatto con la radicalità di questo «L’albero dei frutti selvatici», presentato all’ultimo festival di Cannes in un orario (la sera prima dei premi, alla fine di una giornata con altri due film in concorso) che di fatto ha impedito a tutti di