dal 1999 testimone di un’evoluzione

Le iniziative crowdfunding Start Up! della CG Entertainment portano beneficio anche al mercato “ufficiale” visto che molti film (dopo la pubblicazione della limited edition acquistabile solamente sul sito della casa toscana) arrivano in edizioni standard (ma con i nuovi master ad alta definizione). Uno degli ultimi titoli pubblicato è il bellissimo Darkman di Sam Raimi, ormai fuori catalogo da diverso tempo e con edizioni datate e di qualità non eccelsa.

Matt Turner è un affermato uomo d’affari americano, che a Berlino si destreggia tra una brillante carriera finanziaria e la famiglia. Una mattina, mentre accompagna i figli a scuola, riceve una telefonata da uno sconosciuto: sotto il suo sedile c’è una bomba che esploderà se non seguirà gli ordini del suo ricattatore. Intrappolato nella sua auto in una corsa contro il tempo, Matt dovrà trovare il modo di proteggere la sua famiglia e risolvere il mistero entro 24 ore.

Già uscito due volte in Italia grazie alla RHV, CG Entertainmnet sostanzialmente ripubblica l’ultima edizione della casa romana, uscita nel 2014, la quale già presentava il master restaurato con risoluzione 4K. Per i dettagli delle precedenti edizioni vi rimandiamo alle nostre recensioni (https://www.dvd-italy.it/lamico-americano/) e (https://www.dvd-italy.it/lamico-americano-2/). Qualità tecnica video e audio altissima, la sezione extra comprende il trailer originale, il commento audio sottotitolato in italiano del regista e di Dennis Hopper durante il film e 35’ di scene tagliate con il

Edizione per il 25° anniversario, dopo le precedenti uscite (2000 Elle U, 2003 Dolmen, 2010 RHV, 2013 RHV) non compare la dicitura “versione restaurata” perché al momento non è ancora stato effettuato. I materiali di partenza però sono ottimi, il logo iniziale della Wim Wenders Stiftung conferma che il master è comunque di recente realizzazione, sul sito ufficiale viene riportato un 2K DCP HD-Scan realizzato nel 2014. Il film fu girato in formato Digital Betacam e trasferito su pellicola 35mm,

Edizione del 20° anniversario, seppur senza alcun restauro. Il film fu girato sia in formato digitale DV sia in pellicola 35mm, ma al momento nemmeno sul sito ufficiale Wim Wenders Stiftung viene menzionato un futuro restauro. Il riversamento è comunque molto buono, il master video è originale e la versione del film è quella integrale. La resa tecnica, nelle scene girate in DV, è ovviamente deficitaria ma è una precisa scelta registica e non un difetto dell’edizione DVD. Molto strana

“Nata sotto l’ovvia egida di Pier Paolo Pasolini, il cui nome è accreditato nei titoli al soggetto, alla sceneggiatura e alla «supervisione tecnica e artistica», l’opera prima di Sergio Citti, Ostia (1970), ritorna al pasolinismo cinematografico più originario, quello del sottoproletariato romano e dell’approccio lirico, critico e analitico. […] Prendendo evidente spunto dal rapporto di Sergio col fratello Franco, volto indimenticabile che fu protagonista di Accattone (Pier Paolo Pasolini, 1961) e che legò in modo indissolubile la propria carriera al

Roberto Manassero per MyMovies.it sulla riedizione nelle sale della versione restaurata: “Minimalista, stralunato, quasi onirico nella sua assurdità, sovente buffo e divertente, il cinema di Jarmusch è sempre stato dalla parte dei diversi. I suoi personaggi sono esclusi dal banchetto della vita, disadattati, vagabondi, carcerati, passeggeri della notte: il protagonista di Ghost Dog, interpretato da uno straordinario Forest Whitaker, è forse la sua creazione più famosa e tipicizzata, un afroamericano invisibile a chiunque, nonostante l'imponente stazza e l'evidenza del suo

Tratto dall’omonimo dramma di Rosso di San Secondo, il film ne lascia inalterata l’ossatura, cambiando però l’ambientazione, che da popolare diventa qui elegante e mondana. Particolarmente interessante la mise en scene di Righelli e i ricercati movimenti di macchina lungo la scala che dà il nome al soggetto e al film stesso. Estratto dal booklet interno, intervista di Umberto Paradisi del 1931 al regista: La sonorizzazione ha molta importanza in questo film? “Moltissima. Ho compiuto ogni sforzo affinché rumori, suoni, musiche e voci

“La caduta di un corpo nel vuoto. Un volo che si arresta sul terreno innevato di fronte a uno chalet lasciando sul bianco alcune tracce di sangue. Insieme a quel corpo nel vuoto precipitano anche una coppia, una famiglia, l’infanzia di un bambino. La caduta, come dice il titolo, è il centro stesso dell’idea narrativa di Anatomia di una caduta di Justine Triet, che da lì - ricostruendo come l’uomo sia morto - comincia a entrare nel corpo vivo delle relazioni tra i personaggi,

“Niente di particolarmente nuovo nella sceneggiatura molto “lefty”, progressista, di Paul Laverty, storico compagno di strada di Loach, nemmeno il fatto che la spinta decisiva venga dalle donne, a cominciare dalla giovane Yara che usa la sua abilità come fotografa per raccontare i fatti. Ma Loach ha la capacità di rendere tutto appassionante e coinvolgente: i dialoghi sono un po’ predicatori, ma al regista inglese non viene mai meno la speranza che i gesti dei singoli possano cambiare in meglio